La pista ciclopedonale del Fusaro non chiude – ECCO IL VERBALE DELL’INCONTRO con l’impegno del Sindaco Ermanno Schiano.

Pista ciclopedonale del Fusaro, giorno dell'inaugurazione popolare (Archivio - Foto di Paolo Visone)

Pista ciclopedonale del Fusaro, giorno dell’inaugurazione popolare (Archivio – Foto di Paolo Visone)

Si è tenuto questa mattina, giovedì 24 aprile, l’incontro al Centro Ittico Campano di Bacoli, fissato dopo il presidio e le proteste scatenate dalla volontà di chiudere la pista ciclopedonale lungo il lago Fusaro. Nonostante non sia ancora chiaro il quadro in merito alle responsabilità sulla valorizzazione del bene il Comune, nella persona del sindaco Ermanno Schiano, che detiene circa il 99% delle azioni del CIC proprietario dell’area, ha ribadito che non c’è “nessuna volontà di chiudere la pista”

Ecco il verbale della riunione.

 “Il giorno 24 aprile 2014 alle ore 11,15 presso le sale del Centro Ittico Campano s.p.a si sono riuniti il sindaco di Bacoli, l’Amministratore del CIC, il segretario del PD, tre consiglieri comunali del PD, un rappresentante di associazioni ed altri cittadini interessati alla fruizione degli spazi da cui si accede dal cancello secondario del Fusaro.

Il Sindaco d Bacoli rispetto ad un socio privato, premette innanzitutto che ove mai nell’ambito dell’utilizzo del bene si esemplifichino manifestazioni od eventi che prevedano biglietti od introiti non può assolutamente utilizzarsi il bene gratuitamente, ma deve rientrare in un rapporto negoziale temporaneo a titolo oneroso con il CIC. Il Sindaco esprime la propria ampia possibilità affinché i cittadini fruiscano gratuitamente del bene per motivazioni di tipo sociale e di svago. Per quanto attiene a manifestazioni a farsi, il Sindaco ribadisce che la fornitura di energia elettrica, successiva alle necessarie autorizzazioni, deve avvenire previa sottoscrizione di contratto temporaneo all’ENEL.

Il Sindaco esprime nessuna volontà di chiudere la pista e rappresenta la necessità di concordare con l’ufficio legale del Comune le soluzioni più opportune (…) ad eventuale sottoscrizione di un documento con le associazioni che ne fanno richiesta. Invita altresì l’Amministratore del CIC a predisporre apposita manifestazioni d’interesse per un eventuale controllo del bene (sponsorizzazioni); suggerisce all’Amministratore del CIC di verificare che le associazioni che ne facciano richiesta siano munite di apposita polizza assicurativa per danni a terzi.

In merito, i consiglieri del PD chiedono di allegare il proprio documento “punti per la pista ciclabile del Fusaro”; si precisa che i consiglieri rispondono ai nomi di Macillo, Giampaolo, Castaldo, e chiedono che la polizza assicurativa a tutela dei fruitori della pista e delle associazioni che svolgono attività di volontariato sia a carico del CIC e del Comune. Il Sindaco ribadisce che chiunque voglia svolgere attività sul bene deve munirsi di preventiva polizza.

In conclusione si ribadisce la volontà di un tavolo tecnico-giuridico per valutare la problematica, cosa da farsi ad horas.”

Allegato agli atti del verbale, ecco invece il documento sottoscritto dai rappresentanti locali del Pd di Bacoli, del Coordinamento delle periferie e dell’associazione “Oltre l’Averno”.

Punti per la Pista Ciclabile del Fusaro

“A seguito dell’impegno profuso da maggio 2013 dalle associazioni e dai cittadini che hanno aperto, pulito, reso e manutenuta fruibile fino ad oggi la pista ciclabile del Fusaro, il Comune di Bacoli ed il “Centro ittico campano”, quali titolari dei beni in oggetto:

 1 – provvederanno al diserbamento, alla pulizia, alla rimozione dei rifiuti, incoraggiando l’eventuale e volontaria disponibilità delle scuole, delle associazioni, dei cittadini a tenere giornale ecologiche ;

2 – vigileranno su quanto avviene nella pista, reprimendo eventuali illeciti (pesca di frodo, transito di cavalli e motoveicoli, ecc) anche attraverso l’istallazione di un sistema di videosorveglianza agli ingressi, da realizzarsi con finanziamenti pubblico/privati ;

3 – sosterranno eventuali eventi e spettacoli – secondo un calendario da concordarsi tra il CIC/Comune e le associazioni già operanti ed altre che intendessero operare in loco – nella pista, nelle aree adiacenti, in piazza Rossini, esentando tali iniziative da oneri finanziari (vedi attuale delibera consiliare n. 4 del 04/02/2010) e fornendo gratuitamente l’acqua corrente e l’energia elettrica, fatto salvo il gratuito e libero passaggio nelle suddette aree ;

4 – riconosceranno – previa autorizzazione e collaudo a norma di legge – gli attuali e futuri interventi migliorativi realizzati nella pista e nelle aree adiacenti, da associazioni ed imprenditori privati, assumendosene poi l’uso.

SULLO STESSO ARGOMENTO:

Il presidio e l’occupazione simbolica della presidenza del CIC del 23 aprile – GUARDA LE FOTO

Il VIDEO sul movimento per l’apertura della pista ciclopedonale del Fusaro del maggio/giugno 2013

Dario Chiocca

Scritto da Dario Chiocca


Classe '78, è tra i fondatori de L'Iniziativa, di cui è presidente. Puteolano, risiede nel quartiere di Monterusciello dall'infanzia. Laureato in Giurisprudenza, impegnato da sempre sulle questioni sociali, dal 2010 è avvocato presso il Foro di Napoli e svolge la sua attività professionale nel campo nel diritto civile e del lavoro.