RUBRICA DI CINEMA / Bianca come il latte, rossa come il sangue di Giacomo Campiotti

Bianca_come_il_latte,_rossa_come_il_sangue

Leo è un ragazzo molto particolare che ama due cose nella vita: Beatrice, una ragazza che incontra casualmente alla fermata del bus, e il calcetto. Nonostante Silvia, una sua compagna di classe, sia perdutamente innamorata di lui, Leo non ha occhi se non per Beatrice. Purtroppo quest’ultima si ammala di leucemia. Da qui, una vera e propria corsa contro il tempo per cercare di salvarle la vita. Il protagonista, infatti, spera che le donazioni di midollo osseo possano aiutarla. Il midollo osseo, però, risulta incompatibile e nel frattempo la ragazza si ammala sempre di più. Prima di partire per delle cure speciali in Francia, Beatrice rivela a Leo, intuendo il suo amore per lei, che deve smettere di cercarla, magari inseguendo chi lo ama davvero. Nonostante le cure francesi, Beatrice morirà, ma il finale – a tratti scontato – insegnerà allo spettatore il valore della vita.

Aiuto regista di Monicelli e allievo di Olmi, Giacomo Campiotti dedica tutta la sua carriera alla tv ed alle serie televisive. Importanti i successi ottenuti con Giuseppe Moscati – L’amore che guarisce e la recente fiction Braccialetti Rossi. Nel 2013 porta al cinema Bianca come il latte, rossa come il sangue che viene apprezzato sia da critica che da pubblico, incassando più di un milione di euro.

Tratto dall’omonimo romanzo di Alessandro D’Avenia, il film di Campiotti si muove in un’armonia molto particolare sorretta principalmente dalle interpretazioni dei protagonisti. Ottima quella dell’ormai più che esordiente Filippo Schicchitano, nei panni del protagonista. Buone anche le restanti interpretazioni di Luca Argentero, Aurora Ruffino e la parigina Gaia Weiss. La colonna sonora, composta da Andrea Guerra, si alterna con alcuni dei brani più famosi della band I Modà.

Girato in sole sei settimane, il film è stato prodotto in collaborazione con Rai Cinema.

Antonio Di Fiore

Scritto da Antonio Di Fiore


Classe '93. Sono nato e vivo tuttora a Napoli. Attualmente frequento il corso di laurea in Scienze della Comunicazione, curriculum Cinema e Televisione. Aspirante regista e sceneggiatore, credo fermamente nel potere della settima arte.