BACOLI / Riprendono i lavori sul bene confiscato di Villa Ferretti

villa-ferrettiBACOLI – L’annuncio è di quelli importanti: riprendono i lavori di “Villa Ferretti”, complesso ottocentesco di 17mila metri quadrati situato alle pendici del castello aragonese di Baia. Confiscato nel 1995 a Giuseppe Costagliola, legato al clan Pariante, fu consegnato all’Agenzia del Demanio al Comune di Bacoli nel 2003, ben 11 anni fa. Complessivamente sono stati 3 i milioni destinati alla sua ristrutturazione, prelevati dai fondi residui dei Por Campania 2000-2006. Dal 2011, però, i lavori sono fermi, in attesa di riprendere per portare a termine un gioiello che, di diritto, appartiene ai cittadini bacolesi.

E’ stato Antonio Amato, Presidente della Commissione Regionale Beni Confiscati, ad assicurare – a termine dell’audizione della Commissione regionale sui beni antimafia a cui ha partecipato anche il Sindaco Ermanno Schiano – che entro l’estate “Villa Ferretti” potrebbe cominciare un percorso per essere consegnata finalmente alla comunità, anche se saranno da superare le difficoltà già incontrate nella prima fase della restaurazione: mura intrise di umidità, intonaci divelti ed altre piccole inadempienze che non rendono giustizia alla sua straordinaria bellezza. Un grande passo avanti per la città di Bacoli e per chi, da tanto tempo, lotta sul territorio per raggiungere questo obiettivo. Almeno è un passo preliminare, ferma restando la necessità di mantenere alta l’attenzione sull’effettiva destinazione d’uso del bene.

ARTICOLO DI LUIGI DI RAZZA

Scritto da Redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.