“Basta caduti sul lavoro”, cerimonia a Pozzuoli in occasione del Primo Maggio

perliniziativa

perpost1

FOTO DI PAOLO VISONE

In occasione del 1 maggio, si è tenuta questa mattina a Pozzuoli la cerimonia commemorativa presso il Monumento dei Caduti sul Lavoro in Via Rosini. Il ricordo di chi muore sul lavoro, con la deposizione di una corona di alloro, è promosso ogni anno dal “Gruppo Volontariato Vincenziano di Casa Pio XII”. A rappresentare la giunta comunale, con la fascia tricolore ed il gonfalone del Comune di Pozzuoli, il vice-sindaco Mario Marrandino. Presenti delegazioni dei sindacati con i responsabili di zona di Cgil, Cisl e Uil.

Nei brevi interventi c’è stato un esplicito riferimento alla recente tragedia, oggetto di indagine e di accertamento, che una settimana fa ha visto perdere la vita di un operaio edile in Via Artiaco, ed è stata evidenziata l’assoluta attualità di temi quali sicurezza e prevenzione, soprattutto in un momento di difficoltà e di crisi economica.

Nella nota diffusa dalle organizzazioni sindacali di zona è stato rivolto “un appello ai diritti senza esclusioni e ai valori umani, da diffondere su ogni territorio, reso ancora più necessario dalle tragedie che si ripetono ogni giorno nel Mar Mediterraneo e che vedono la morte di fratelli disperati che fuggono senza colpe dalla fame e dalle guerre”. Cgil, Cisl e Uil hanno ribadito, inoltre, che “quanto accaduto pochi giorni fa a Pozzuoli impone a tutti noi, ancora una volta, Istituzioni e parte sociali, di fare la propria parte per assicurare in ogni settore e su ogni luogo di lavoro le condizioni di legalità e sicurezza e batterci senza tolleranza contro il lavoro irregolare e svolto in violazione delle norme di sicurezza. Le leggi esistono, ma in troppe occasioni non vengono applicate, per assenza di controlli e di cultura, con grave danno per la dignità umana dei lavoratori e per le prospettive di rilancio e di sviluppo del nostro territorio”.

Martina Brusco

Scritto da Martina Brusco


Nata a Napoli nel 1996, residente a Pozzuoli. Studentessa di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale. Entra a far parte dell’associazione e testata giornalistica “L’Iniziativa – Voce Flegrea” nel 2014, con il desiderio di coniugare la passione per il giornalismo e la politica all'impegno sociale sul territorio.