Valentina Ranalli e Paolo Palopoli presentano “Move the Joy”, primo disco jazz della cantante puteolana

valentina ranalliLa cantante puteolana Valentina Ranalli e l’artista napoletano Paolo Palopoli hanno presentato in data 4 marzo, ad un vasto pubblico accorso a “La Feltrinelli” di Piazza dei Martiri, il nuovo disco jazz intitolato “Move the Joy”.

Il lavoro, eseguito in collaborazione con grandi musicisti nazionali ed internazionali del calibro di Daniele Gorgone, Aldo Zunino, Walter Paoli e Tom Kirkpatrick, rappresenta a pieno l’esaltazione della gioia e della spensieratezza ed è un chiaro invito a sorridere ed emozionarsi attraverso la musica: ad introdurre lo showcase sono stati i giornalisti Stefano de Stefano, docente presso l’ Accademia di Belle Arti di Napoli e giornalista e critico di teatro, arte e jazz per il Corriere del mezzogiorno, ed Alessandro Savoia.

“Un jazz appassionato” è stata la definizione degli autori verso il proprio lavoro, frutto sì dello studio accurato e continuo negli anni, ma anche e sopratutto della capacità di immergersi nella musica, scoprendone ed amandone sempre più ogni singola nota, stravolgendola e capovolgendola per poter esprimere i sentimenti di cui è portatrice. Per Paolo Palopoli si tratta del quinto lavoro come autore e chitarrista (“First Out”, “Armonia Etnica”, “Etnoide” e “Painted Notes” gli altri suoi progetti), frutto di una continua evoluzione nel tempo che gli ha consentito di creare originali arrangiamenti che spaziano dallo swing al bebop e alla samba. Per Valentina Ranalli, coautrice, interprete, arrangiatrice e song writer, si tratta del primo disco in chiave jazz dopo le numerose esperienze e le partecipazioni ai più conosciuti festival e programmi televisivi. Il duo, rodato da anni con il nome di Musicadea, ha eseguito tra un’intervista ed un’altra alcuni brani contenuti nel nuovo progetto discografico, in cui sono presenti ben dodici tracce, di cui due inediti.

Risulta chiara la componente giocosa del disco, di cui intro e outro sono un estratto dalla colonna sonora de Gli Aristogatti. Tutti gli standard sono finemente riarrangiati in maniera originale, come ad esempio la celebre waltz ballad Emily, divenuta una delicata Bossa Nova. In East of the Sun (and west of the moon) un intro di solo guitar lascia spazio a una travolgente ritmica samba, mentre i colori gospel fanno da cornice a Blues Walk. Funk in deep freeze, invece, diventa un inno alla sensualità grazie al mood e al testo appositamente scritto da Valentina Ranalli, sia sul tema che sulle note del famoso assolo di Chet Backer.

In contemporanea con l’uscita digitale prevista per il 14 Marzo, il duo presenterà nuovamente “Move The Joy” a “La Feltrinelli” di Pomigliano D’Arco dalle ore 18:00.

Avatar

Scritto da Redazione