Pozzuoli, parlano i giovani di Palazzo Toledo

1DSC_5081

Difficile da immaginare fino a qualche anno fa. A Pozzuoli il Polo culturale di Palazzo Toledo è diventato un luogo di incontro e di studio, ben oltre quindi le normali funzioni di una biblioteca. Il Palazzo infatti è dotato di ampie aule studio, frequentate ogni giorno da decine di giovani universitari e non, e di un’attrezzata sala computer, oltre ad una sala consultazione di importanti volumi. Un luogo insomma che sta vivendo un fenomeno senza precedenti nel nostro territorio: finalmente un punto di riferimento per l’aggregazione giovanile, concreto e vissuto da una realtà sempre crescente.

Noi abbiamo cercato di avvicinarci a questo fenomeno, e a chiedere quali fossero le esigenze più immediate di questi giovani. Abbiamo chiesto ad esempio a Federica le sue impressioni, che ci ha risposto entusiasta “Un luogo perfetto per studiare! Ci vengo praticamente tutti i giorni e mi trovo benissimo: persino il personale è gentilissimo, ed ormai si è instaurata addirittura una bella atmosfera di cordialità, di amicizia tra tutti noi.” Aggiunge Carmine “Se proprio dovessi fare una proposta per migliorare ulteriormente il servizio, direi di aggiungere qualche aula in più, perché ormai siamo davvero in tantiA volte raggiungiamo le quaranta presenze al giorno, per cui di tanto in tanto serve ancora più spazio di quello che già abbiamo.” Alessia e Salvatore poi ci dicono “Magari qualche aula da usare come sala mensa sarebbe opportuna, visto che non ne abbiamo una e siamo costretti a mangiare fuori dal Palazzo. Per adesso è ok, perché ci sono ancora delle bellissime giornate, ma come faremo con l’inverno, sotto la pioggia?” Mariangela poi ci racconta: “Io non ho molto da dire, davvero! Una piccola cosa che si potrebbe fare è di aggiungere una macchinetta del caffè, giusto per avere le bevande a prezzi modici, e senza uscir fuori dal Palazzo per andare al bar qui vicino…” Ma Stefano ci interrompe: “Anche se a dirla tutta ogni tanto non ci dispiace uscire all’aria aperta per una pausa! E poi è giusto che gli imprenditori che sanno fare impresa investano e guadagnino su un fenomeno così bello” Interviene anche Rita: “Al massimo ci sentiamo di chiedere qualche panchina all’esterno, magari una copertura, così anche se non abbiamo una sala mensa, avremo uno spazio coperto, dove poter mangiare, o anche solo fumare…”

Insomma le criticità sono quelle piccole, di uno spazio nuovo, senza precedenti a Pozzuoli, che ancora è in fase di “rodaggio” e che tanti giovani già sentono “proprio”, ma che può tranquillamente diventare avanguardia di un fenomeno ben più ampio per il nostro territorio e che ha tutte le carte in regola per essere un’eccellenza.

(In alto: ingresso di Palazzo Toledo di Pozzuoli in via Ragnisco, foto di Paola Visone)

Stefania Manfredi

Scritto da Stefania Manfredi


Stefania Manfredi nasce a Napoli nel 1990. Cresce a Monterusciello e da sempre interessata alla politica si avvicina all'associazione L'Iniziativa nel 2011. Appassionata di lingue e culture straniere, studia all'Università Federico II di Napoli.