POZZUOLI / Colorate le scale di San Giuseppe, quattro dipinti donati alla città – LE FOTO

cop

FOTO DI PAOLO VISONE

Da questo Natale la città di Pozzuoli ha un tocco d’arte in più. Uno degli eventi natalizi 2014 ha infatti lasciato un segno, per la precisione quattro. Si tratta dei murales che colorano ora le pareti lungo le scale di San Giuseppe.

I quattro dipinti sono ispirati al tema “Alla scoperta dell’arte contemporanea attraverso gli elementi della natura: Acqua, Aria, Terra e Fuoco” e sono stati realizzati durante la manifestazione “Tu scendi dalle scale”, gemellata con “Scale di Napoli”, che si è svolta nei giorni prima di Natale.

Ognuno dei bravissimi autori ha scelto la sua tematica, il suo “elemento”: Stefania Colizzi il fuoco (titolo opera: Phlegraiòs); Aida Guardai la terra (titolo opera: Natura Mater); Antonio Isabettini l’acqua (titolo opera: La leggenda del delfino Simone); Bianca Ida Gerundo l’aria (titolo opera: Can “Bia” – Aria). Si tratta di opere pervase da riferimenti storici e mitologici, basti pensare alle onde presenti in uno dei dipinti, quello del maestro Isabettini, che riproducono il mosaico rinvenuto nel Portus Iulius (tra i laghi Lucrino e D’Averno).

L’area del Pendio San Giuseppe è stata per anni lasciata al buio e al degrado. Il tentativo di riqualificazione, patrocinato dal Comune di Pozzuoli e reso possibile grazie al “dono” di questi artisti, impone non solo alle Istituzioni ma anche agli operatori privati presenti sul posto, agli avventori dei locali e a tutti di cittadini, di vigilare e difendere il risultato di questo lavoro da ogni forma di vandalismo, per non mortificarlo e lasciarlo fine a se stesso.

Dario Chiocca

Scritto da Dario Chiocca


Classe '78, è tra i fondatori de L'Iniziativa, di cui è presidente. Puteolano, risiede nel quartiere di Monterusciello dall'infanzia. Laureato in Giurisprudenza, impegnato da sempre sulle questioni sociali, dal 2010 è avvocato presso il Foro di Napoli e svolge la sua attività professionale nel campo nel diritto civile e del lavoro.