“Città della cultura, città dell’accoglienza”: il contributo de “l’Iniziativa” al confronto sul futuro dei Campi Flegrei

10475578_10203257896402208_1554586308_oL’associazione L’Iniziativa, a conclusione delle attività di redazione della stagione 2013/2014, promuove l’evento pubblico “Città della Cultura, Città dell’Accoglienza” il 27 giugno a Pozzuoli sulla rampa Raffaello Causa, meglio conosciuta come Scale del Purgatorio.

Lo scopo della manifestazione è aprire un confronto sul futuro dei Campi Flegrei, un territorio dove sono in corso innegabili trasformazioni e molte altre ce ne saranno nei prossimi anni. Trasformazioni che riguardano l’assetto urbanistico della città flegrea, a partire da Pozzuoli, che tuttavia non devono essere fine a sé stesse o esclusivamente di facciata, ma riempite di contenuti, e soprattutto finalizzate al bene comune.

Per tanti anni, troppi, chi avrebbe dovuto essere classe dirigente ha parlato di “vocazione turistica” del territorio. E’ il momento di dare esecuzione al proposito, ma soprattutto di definirlo con caratteristiche più precise. Il turismo sul quale puntare nei Campi Flegrei è il turismo colto e di qualità. La nuova economia dell’accoglienza deve avere basi solide e queste basi trovano radici nella cultura, nella memoria storica, nel patrimonio archeologico e naturalistico, nella liberazione delle risorse umane e professionali. E’ questa la condizione per progettare uno sviluppo sostenibile e alimentare nuove prospettive di lavoro e di redistribuzione del reddito.

Nel corso di quest’anno la nostra redazione ha affrontato in più occasioni i temi dell’accessibilità e della valorizzazione dei siti archeologici; del Protocollo di intesa tra Comune di Pozzuoli e Soprintendenza per garantirne l’apertura; dei piani di gestione dei siti storici e naturali per consentire l’erogazione di servizi con il coinvolgimento di soggetti provati; della riappropriazione e messa a reddito del Rione Terra; dell’ampliamento del Polo Culturale di Palazzo Toledo; della creazione di un Teatro stabile, dell’insediamento di residenze universitarie e di come favorire i consumi culturali per i giovani. Temi che proponiamo ora in un’ottica di insieme in occasione del confronto pubblico previsto il 27 giugno sulle scale del Purgatorio, nella stessa cornice che vedrà mostre fotografiche, performances artistiche ed esibizioni teatrali, con la partecipazione di giovani artisti flegrei e la collaborazione degli amici dell’associazione En Art. Temi che compongono tanti tasselli dell’unica sfida: fare dei Campi Flegrei la “Città della cultura e dell’accoglienza”, capace di offrire ai visitatori un’offerta credibile, ai cittadini un luogo vivibile e alle giovani generazioni occasioni di lavoro e di benessere diffuso.

Sono esigenze da troppo tempo inevase, ma noi pensiamo che non sia più tempo di “chiedere”, bensì di provare a costruire. E la nostra redazione, nel proporsi come laboratorio di idee, ricerca da un lato l’interlocuzione con chi oggi ricopre ruoli istituzionali negli Enti locali, dall’altro il confronto con le associazioni e i movimenti politici del territorio per progettare insieme una proposta complessiva di città flegrea. Basta lamentarsi. Vogliamo che questo sia ricordato come il momento in cui fiorirono le opportunità, dopo il lungo inverno delle occasioni perdute. E siamo pronti a fare la nostra parte. Con entusiasmo e determinazione.

GUARDA IL PROMO DELL’EVENTO

Scritto da Dario Chiocca


Classe '78, è tra i fondatori de L'Iniziativa, di cui è presidente. Puteolano, risiede nel quartiere di Monterusciello dall'infanzia. Laureato in Giurisprudenza, impegnato da sempre sulle questioni sociali, dal 2010 è avvocato presso il Foro di Napoli e svolge la sua attività professionale nel campo nel diritto civile e del lavoro.