Successo per l’International Jazz Day a Pozzuoli – LE FOTO

Anche Pozzuoli ha festeggiato l’International Jazz Day, giornata dedicata alla celebrazione della musica jazz, stabilita dall’UNESCO in collaborazione con l’istituto musicale Thelonious Monk. Lo ha fatto domenica scorsa, 30 aprile, con un bel concerto nella “Cassa Armonica” di Piazza della Repubblica. L’evento puteolano, giunto ormai alla sua quarta edizione, è stato organizzato dall’associazione Jaz and Conversation, animata da Antimo Civero e Angelo Pesce, che si occupa di promuovere l’incontro tra la musica e il territorio. Inoltre, la realizzazione dell’evento è stata favorita dall’aiuto di numerosi esercizi pubblici di Pozzuoli, e, ovviamente, dalla presenza di diversi cantanti e musicisti.

GLI ORGANIZZATORI – “Siccome è una festa” ha detto Angelo Pesce, “abbiamo chiesto la partecipazione di chi volesse con noi festeggiare”. E la risposta è stata più che positiva. Oltre 120 artisti si sono proposti per prendere parte alla manifestazione, e ben venti gruppi musicali si sono esibiti domenica, dalle 15:00 fino a sera, sul palco allestito alla Cassa Armonica di Pozzuoli. Tra i partecipanti, moltissimi i giovani del territorio Flegreo che hanno approfittato dell’occasione per dare voce (è proprio il caso di dirlo) al loro talento. “L’Unesco insieme all’istituto Thelonious Monk ha istituito questa giornata per la pace, per il dialogo tra i popoli, è stato scelto il jazz come musica che contamina e viene contaminata e quindi in questo senso facciamo anche noi parte di questa manifestazione mondiale” ha dichiarato Antimo Civero, sostenendo che lo scopo dell’associazione Jazz and Conversation è perfettamente in linea con il senso dell’International Jazz Day: bisogna creare un contatto tra il popolo e la cultura, e per farlo è importante che quest’ultima si diffonda tra la gente in modo libero, semplice e diretto. Tale obiettivo è stato raggiunto appieno la scorsa domenica, tante sono state le persone che hanno riempito le strade di Pozzuoli, e tra queste, oltre a puteolani e abitanti di città limitrofe, vi erano anche turisti stranieri che hanno particolarmente apprezzato questo tipo di manifestazione. “Ci sono molti turisti, io so benissimo che c’è già una comunità turistica, ovvero tutta la popolazione NATO, nella stessa associazione ci sono americani che hanno partecipato, ma non solo, anche danesi, austriaci, insomma già ci sono i turisti, attenzione a questo aspetto, quando facciamo queste cose è quello che più piace, perché la gente è lì, è un po’ come si fa in altri paesi del mondo”, queste le parole di Civero e Pesce, i quali sottolineano la necessità di iniziative del genere e ci invitano a partecipare all’evento più importante sul calendario della loro associazione: il Pozzuoli Jazz Festival, che si terrà quest’estate e consisterà, come le precedenti edizioni, in una serie di concerti jazz in luoghi storicamente rilevanti dei Campi Flegrei.

I PROTAGONISTI – Nella giornata di domenica non sono mancati ospiti speciali, tra cui Ivan Dalia, talentuoso pianista casertano che nel 2016 ha partecipato a Italia’s Got Talent, conquistando la giuria e il pubblico italiano. Il musicista ha deliziato i presenti con le sue note, un assaggio del suo prossimo disco. “Finiremo di registrare il disco nella seconda settimana di maggio” ha dichiarato Dalia, “e conterrà solo pezzi miei in quintetto di base, poi dopo ci sarà anche qualche altra collaborazione. Il gruppo è mezzo berlinese e mezzo romano. Spero che per luglio esca”. Si è esibita sul palco della Cassa Armonica anche la cantante puteolana Valentina Ranalli, accompagnata dal contrabbassista Dario Piccioni. Dopo aver trascorso l’intera giornata in giro per celebrare l’International Jazz Festival, la giovane artista è stata felice di concludere il breve tour a Pozzuoli. Ha inoltre annunciato che molto probabilmente a luglio pubblicherà il suo nuovo progetto musicale dal titolo “So Beautiful”. Una giornata di grande musica ed aggregazione, da ripetere.

(FOTO DI PAOLO VISONE)

Rossella Mormile

Scritto da Rossella Mormile


Classe 1993, è tra gli ultimi arrivati de l’Iniziativa. Vive da sempre a Bacoli. Appassionata di teatro, letteratura e serie tv, dopo aver studiato a Parigi per alcuni mesi si è da poco laureata in lingue alla Federico II ed è iscritta alla magistrale di Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea all’Orientale