Pozzuoli/ Viabilità e accessibilità ai siti archeologici, ecco i progetti approvati

«Miglioreremo la viabilità e l’accessibilità ai monumenti nelle aree di interesse archeologico, con parcheggi, percorsi naturalistici, pedonali e ciclabili. Una mobilità sostenibile e diversificata che andrà di pari passo con la valorizzazione e il restauro dei siti archeologici. E lo faremo grazie ai progetti che abbiamo approvato in giunta e all’utilizzo dei fondi del Piano Stralcio “Turismo e Cultura”. Un piano che riguarda l’intera area dei Campi Flegrei e che ci permetterà di promuovere adeguatamente il nostro territorio». Con queste parole il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, ha reso noto il progetto integrato per il recupero e la riorganizzazione del sistema di mobilità, dell’accessibilità e della fruizione dei siti del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

GLI INTERVENTI – Ecco i progetti approvati: realizzazione di un parcheggio da 100 posti auto e 40 per motocicli in via Vecchia delle Vigne, con un percorso pedonale per raggiungere l’antica Puteolis-Neapolim e l’Anfiteatro Flavio; ripristino dell’antica pavimentazione in basoli di via Vecchia Campana, con l’istituzione di un parcheggio all’inizio di via Luciano; realizzazione di un lungo percorso pedonale e naturalistico che parte da via Montenuovo Licola Patria e giunge al Tempio di Apollo sul lago d’Averno dove ci saranno opere di manutenzione straordinaria – anche in questo caso, nel punto di partenza, ed esattamente in via Antonino Pio, verrà realizzato un parcheggio da 150 posti auto e 25 per motocicli. Al Tempio di Apollo si riallaccia un altro intervento che interesserà il tratto fino alla Grotta di Cocceio, con il ripristino della sede stradale pedonale e ciclabile e del sistema di illuminazione. Previsto, inoltre un intervento per rendere maggiormente accessibile il Rione Terra con l’abbattimento delle barriere architettoniche nel tratto che va dal parcheggio di via Marconi alla rampa di accesso alla rocca con la realizzazione di un adeguato sistema di illuminazione e un access point per la dotazione del wi-fi su tutta l’area.

FOLLIA IN VIA LUCIANO? – Si tratta senza dubbio di interventi attesi e potenzialmente positivi, se finalizzati a creare percorsi integrati per favorire un turismo sostenibile in una città urbanisticamente complessa come Pozzuoli. Di tutto i progetti approvati, però, notevoli perplessità ha suscitato quello del parcheggio in via Luciano. Perplessità non da poco, perchè da una lettura dei grafici pubblicati sull’Albo Pretorio (riproduzione in basso) il parcheggio, per un totale di circa 40 posti auto, verrebbe realizzato sopra, nel senso letterale della parola, alcune “tabernae romane” poste a pochi metri dall’ingresso della Chiesa dell’Annunziata in Piazza Capomazza. Sebbene si tratti di uno dei siti “minori”, spesso ricoperti da erbacce, il ritrovamento ha comunque un valore storico, risalente all’apertura della via Domitiana nel 95 d.C.. Ma disquisizioni archeologiche a parte, ci sembra alquanto discutibile, oltre a configurare un pericolosissimo precedente, che nell’ottica di favorire sulla carta l’accesso a un sito archeologico (la Necropoli) se ne copra un altro con l’asfalto per circa 50 metri (!). Sembra quasi che non si riesca a sfuggire alla strana condanna, secondo cui per fare 2 cose buone si debba sempre accettare, per contraltare, almeno una cattiva. E cosa ancora più allucinante è che questi progetti, approvati dalla Giunta, sono finanziati con fondi di competenza del Mibact e rientrano nell’investimento di circa 25 milioni di euro destinati al Parco archeologico dei Campi Flegrei.

Avremmo piacere che chi di competenza fornisse chiarimenti al riguardo. E siamo davvero curiosi di sapere la posizione della Sovrintendenza ai Beni archeologici su questo specifico intervento.

Nella delibera di Giunta si legge, inoltre, la presa d’atto che “le successive fasi progettuali, l’appalto e l’esecuzione dei lavori saranno a cura del Parco Archeologico” come previsto nello Schema Accordo già sottoscritto e adottato dal Comune di Pozzuoli. Spetta al Parco archeologico dei Campi Flegrei, dinque, di dare prosieguo a questi importanti interventi strategici e, nel caso specifico del parcheggio di via Luciano, avallare questa possibile “tombatura dei resti archeologici con materiali di cava e forniture di geotessile non tessuto”, così come indicato nel progetto redatto.

Dario Chiocca

Scritto da Dario Chiocca


Classe '78, è tra i fondatori de L'Iniziativa, di cui è presidente. Puteolano, risiede nel quartiere di Monterusciello dall'infanzia. Laureato in Giurisprudenza, impegnato da sempre sulle questioni sociali, dal 2010 è avvocato presso il Foro di Napoli e svolge la sua attività professionale nel campo nel diritto civile e del lavoro.