#Gep2017, ecco gli appuntamenti nei siti e nei musei di Napoli e dei Campi Flegrei

Aperture straordinarie, visite guidate, attività didattiche, spettacoli teatrali, proiezioni e concerti avranno luogo in occasione delle Giornate europee del patrimonio nel prossimo week end, sabato 23 e domenica 24 settembre. Numerosissimi gli appuntamenti a Napoli e nei Campi Flegrei, per i quali c’è davvero il solo imbarazzo della scelta. In alcuni casi l”ingresso è gratuito, in altri si paga il normale biglietto di ingresso, per gli spettacoli serali, laddove previsti, il costo simbolico è di 1 euro.

CAMPI FLEGREI – Come ogni anno, l’appuntamento più rilevante dal punto di vista “scientifico” resta l’apertura straordinaria della città bassa di Cuma, con visite guidate dalle 10.00 alle 16.00 agli scavi in corso a cura di Università degli Studi di Napoli Federico II, Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, Università degli Studi di Napoli L’Orientale, Centre Jean Bérard. Professori e studenti universitari illustreranno direttamente ai visitatori le loro ultime scoperte.  fare da contorno conferenze organizzate presso il cosiddetto “Antro della Sibilla” di carattere divulgativo.

Il Museo archeologico dei Campi Flegrei, ubicato al Castello di Baia, propone visite guidate speciali alle sale dedicate a Cuma (sabato 23) e a Puteoli (domenica 24). Quello diocesano del Rione Terra organizza, invece, visite abbinate al percorso archeologico sotterraneo dell’antica Puteoli.

A cura della Pro loco di Bacoli, sarà possibile visitare gratuitamente la Piscina Mirabilis per conoscere la cisterna romana e gli aspetti naturalistici presenti intorno al Porto di Miseno, mentre gli educatori ambientali di Legambiente Città Flegrea cureranno le visite guidate gratuite agli scavi archeologici delle terme di Baia con attività ludiche per grandi e piccini.

NAPOLI – Fra le aperture straordinarie, da segnalare quella di sabato 23 settembre al complesso dei Girolamini, visitabile oltre che nell’orario consueto, nell’apertura straordinaria serale, dalle ore 20.00 – 23.00 (ultimo ingresso 22.30).

Visite guidate al Museo e Real Bosco di Capodimonte, che propone percorsi guidati rivolti ai visitatori, alla scoperta dei dipinti più significativi e dei servizi della Manifattura della Real Fabbrica della Porcellana di Napoli che raccontano la nascita e lo sviluppo dei Siti Reali Borbonici a partire dal Settecento.

E ancora la mostra “Il tesoro di Napoli, I Capolavori del Museo di San Gennaro”, grazie alla quale con un biglietto ridotto i visitatori avranno la possibilità di ammirare uno dei patrimoni artistici e culturali più importanti al mondo, unico nel suo genere e formatosi nel corso dei secoli, grazie alle numerose donazioni di papi, re, uomini illustri e persone comuni.

Suggestivo anche il percorso ideato per il Parco e Tomba di Virgilio. La visita comprenderà l’imponente edicola fatta costruire dal viceré Pietro d’Aragona nel 1668 per commemorare la sua attività di recupero di antiche strutture termali; il monumento funebre di Giacomo Leopardi morto a Napoli nel 1838; l’ingresso della Crypta Neapolitana, una galleria romana scavata in età augustea per facilitare i collegamenti tra Napoli e i Campi Flegrei.

Coinvolgimento anche dei più piccoli con i laboratori didattici “Famiglie al Madre”, alla scoperta dell’uso della materia naturale nell’arte, attraverso il gioco, la sperimentazione creativa e l’esperienza emozionale che si realizza grazie all’analisi e alla lettura guidate dell’opera d’arte. Il Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa propone invece “Pietrarsa in famiglia”, un’offerta speciale per riscoprire il patrimonio del museo: tutti i nuclei familiari composti da due adulti e due bambini pagheranno un biglietto di ingresso ridotto. Un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio, ripercorrendo un passato ricco di storia ed eccellenze. Locomotive e treni che hanno unito l’Italia dal 1839 ai nostri giorni, in 170 anni di storia delle Ferrovie italiane.

Al Museo Archeologico Nazionale di Napoli andrà invece in scena lo spettacolo teatrale “Io so e ho le prove. La conversione di un ex manager bancario.” tratto dall’omonimo libro di V. Imperatore con Giovanni Meola (corpo, parole) e Daniela Esposito (suoni, rumori).

E ancora il Segretariato Regionale per la Campania nella meravigliosa cornice di Castel dell’Ovo, offrirà ai visitatori la possibilità di visionare la proiezione di un filmato, presso l’antisala delle colonne, che ripercorrerà le vicissitudini, dall’antichità ad oggi, di uno dei simboli della città partenopea.

La Certosa e Museo di San Martino sarà invece protagonista del Concerto di musica polifonica a cappella “Per rinfresco del palato”, con il Coro della Società Polifonica della Pietrasanta diretto da Rosario Peluso. Testi secolari ispirati all’amore, alla natura, al vino, dalla tradizione madrigalistica italiana e neo madrigalistica, allieteranno i visitatori nell’antico e suggestivo Refettorio dei monaci.

Impossibile illustrare tutte le iniziative nei loro dettagli. A questo link del sito del Ministero dei Beni Culturali l’elenco completo, provincia per provincia, con tutti i riferimenti, gli orari e i contatti per ricevere ulteriori informazioni.

Martina Iacuaniello

Scritto da Martina Iacuaniello


Classe 1990. Vive tra Roma e Napoli, ed è da sempre appassionata di arte, letteratura e politiche culturali. Dopo aver conseguito la laurea in Conservazione dei Beni Culturali presso l'università Suor Orsola Benincasa di Napoli, è attualmente iscritta alla magistrale in Storia dell'arte alla Sapienza di Roma.