Pozzuoli è sempre “riciclone”, ma la differenziata cala al 74%. Stabili i Campi Flegrei

Sono stati diffusi da Legambiente i dati aggiornati al 2018 sulla raccolta differenziata in Campania, XV edizione di “Comuni Ricicloni” (a questo link il dossier completo).

Il giudizio di insieme è ancora molto critico poichè “in Campania continua a mancare una governance autorevole del ciclo integrato dei rifiuti e ancora non si procede alla realizzazione di impianti industriali di trattamento della frazione organica con compostaggio, digestione anaerobica e produzione di biometano. Il risultato – si legge nell’introduzione allo studio – è che, in questo percorso lento e aggrovigliato, rallenta la raccolta differenziata da parte dei Comuni”. Secondo i dati dell’Osservatorio regionale dei rifiuti, nel 2018 sono state prodotte 2,6 tonnellate di rifiuti urbani, di cui (solo) il 52,7% raccolte in maniera differenziata. La metà di questi rifiuti differenziati è organico, di cui il 90% continua ad essere trasportato fuori Regione, a causa della mancanza di impianti sul territorio.

NEI CAMPI FLEGREI – La situazione di stallo, dopo il miglioramento degli anni passati, frutto soprattutto della maggiore sensibilizzazione dei cittadini dopo il periodo nero dell’emergenza degli anni 2000, si riflette anche nei Campi Flegrei. A Pozzuoli la differenziata scende al 73,98%, con un calo progressivo negli ultimi anni (76% nel 2017, 77,6% nel 2016 e 78,85% nel 2015), anche se per il quinto anno si conferma al primo posto tra i Comuni Ricicloni della Campania con popolazione compresa tra i 50 mila e 100 mila abitanti. Bacoli mantiene il risultato dell’81,36% (leggero calo rtspetto all’anno scorso), Monte di Procida cresce all’83,12%, mentre Quarto è ancora ferma al 61%. La città di Napoli è ancora al 36%, praticamente come l’anno scorso, un dato imbarazzante, pur considerando la complessità di organizzare la raccolta differenziata in una grande città capoluogo.

LE DICHIARAZIONI – Il Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia e il vice sindaco, nonché assessore all’Ambiente, Fiorella Zabatta, rivendicano sui social il risultato raggiunto, ma tra le righe si legge anche la consapevolezza che occorre rilanciare la sfida. “Ai cittadini continuo a chiedere il massimo impegno, perché solo perfezionando il corretto conferimento dei rifiuti possiamo conseguire nuovi traguardi. Oltretutto, grazie ai risultati raggiunti, dal 2014 ad oggi la Tari, la tassa sui rifiuti, è diminuita del 35 per cento con un risparmio pro capite, considerando una famiglia media, di circa 35 euro.” ha dichiarato il primo cittadino, mentre il vice Sindaco sottolinea che “nonostante le varie emergenze che abbiamo avuto a partire dagli ultimi mesi del 2018, siamo riusciti a mantenere questo risultato, che ci sprona a fare sempre meglio perché molto può e deve essere ancora fatto”, annunciando a tal proposito che “a breve partirà un sistema di premialitá e che da qualche giorno è partita la campagna di informazione, in alcune zone di Monterusciello e al Rione Toiano (da estendere poi al resto della città), per sensibilizzare i cittadini a migliorare la differenziata.”

Scritto da Dario Chiocca


Classe '78, è tra i fondatori de L'Iniziativa, di cui è presidente. Puteolano, risiede nel quartiere di Monterusciello dall'infanzia. Laureato in Giurisprudenza, impegnato da sempre sulle questioni sociali, dal 2010 è avvocato presso il Foro di Napoli e svolge la sua attività professionale nel campo nel diritto civile e del lavoro.